Back to top

Da risorse naturali a materiali innovativi ecosostenibili Sovvenzioni
e contributi

La società Magic s.r.l. ha intrapreso e sviluppato un progetto il cui titolo è “Da risorse naturali a materiali innovativi ecosostenibili: compositi multifunzionali, per applicazioni nel settore dell’imballaggio alimentare (EcoMAT)”

Il progetto è finanziato nell’ambito degli Accordo per l’innovazione DM 24/05/2017 per un importo complessivo di € 1.326.780,80 con una quota di € 190.742,00 a carico della Regione PIEMONTE nella forma del contributo diretto alla spesa a valere sull’Asse I, “Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione” Azione I.1.b.1.1 “Valorizzazione economica dell’innovazione attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti e delle formule organizzative, nonché attraverso il finanziamento dell’industrializzazione dei risultati della ricerca” del programma Operativo Regionale FESR 2014-2020 FESR 2014-2020.

 

Il progetto è finalizzato allo sviluppo di imballaggi alimentari a base di materiali innovativi ed ecosostenibili.

Viene studiata la struttura e la tecnologia produttiva di pad antimicrobici contenenti compositi bio.

L’obiettivo è la realizzazione di packaging biodegradabile e compostabile di nuova generazione.

 

Il presente progetto è indirizzato allo sviluppo di nuovi prodotti realizzati con innovati materiali polimerici organici-inorganici di origine naturale, all’interno dei quali potranno essere inserite sostanze attive (antimicrobiche, antiossidanti e antifungine) che consentiranno di realizzare packaging attivo al fine di aumentare la shelf-life di prodotti alimentari, nonché la realizzazione di nuovi materiali polimerici per la realizzazione di packaging biodegradabile e compostabile utilizzando le specifiche competenze acquisite con la collaborazione della Termoplast.

Il progetto è sostenuto dalla Ricerca Universitaria di due importanti enti riconosciuti anche a livello internazionale, il territoriale Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale di Novara ed il prestigioso Dipartimento di Chimica dell’Unità di Studi di Bari Aldo Moro.

Tale progetto sarà in grado di esercitare un significativo impatto sul sistema produttivo del paese consentendo il rafforzamento della posizione di leadership nel campo del packaging non solo a livello europeo, ma anche a livello mondiale. In particolare, tale progetto rientra fra le tecnologie abilitanti fondamentali previste nel programma Horizon 2020 fra i materiali avanzati. Lo sviluppo avverrà all’interno delle “aree tematiche della Strategia nazionale”, in particolare in “Industria intelligente e sostenibile”, consentendo un rapido impatto sulla competitività sia nel settore del packaging alimentare, sia in altri settori collaterali come quello igienico sanitario, medicale, cosmetico, ecc.